10 domande che un training & development manager dovrebbe farsi quando pensa al PFA




Avere dei dipendenti formati è la chiave per il successo aziendale. Per questo motivo è fondamentale delineare al meglio il cosiddetto piano formativo aziendale (PFA). Il progetto viene pianificato dal Training & development manager e contiene #obiettivi, opportunità di pprendimento e azioni concrete che l’azienda delinea per raggiungere importanti #traguardi di #sviluppo.


La stesura di un PFA strategico comprende numerosi processi che portano ad allineare i fabbisogni aziendali con quelli dei dipendenti: si parte dal coinvolgimento/analisi e dalla progettazione per arrivare alla fase di monitoraggio e valutazione finale.


L’arte di saper organizzare è dunque una delle #skills che rappresentano il Responsabile della Formazione, ma non solo. Si tratta di saper individuare le esigenze formative dei dipendenti e di conseguenza dell’azienda stessa. Affinché ciò avvenga è necessario porsi 10 domande fondamentali:

- Quali obiettivi si pone l’azienda?

- Perché si è deciso di investire nell’aggiornamento dei dipendenti?

- Quali sono i fabbisogni formativi dei dipendenti?

- Quali sono le innovazioni da introdurre?

- I risultati degli anni passati che cosa ci dicono?

- Quali sono le priorità dell’azienda?

- Qual è il budget?

- Dove trovare i finanziamenti?

- È possibile digitalizzare i contenuti per creare più coinvolgimento?

- È possibile avere accesso a piattaforme di knowledge management per favorire l’apprendimento?

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti